La nostra pelle beneficia naturalmente dell’attività dei fibroblasti, cellule che producono collagene e acido ialuronico, cioè le sostanze che donano alla cute compattezza, turgore e vitalità. Con il passare degli anni, però, i fibroblasti riducono la loro attività: ecco perché può risultare utile un intervento di biorivitalizzazione, che consiste in microiniezioni di sostanze stimolanti (principalmente acido ialuronico) in punti mirati per riattivare l’azione dei fibroblasti.

La biorivitalizzazione consente alla pelle di ritrovare immediata idratazione, richiamando l’acqua nei tessuti, e al contempo favorisce la produzione di elastina e collagene da parte dei fibroblasti, contribuendo anche a contrastare i radicali liberi che causano l’invecchiamento della pelle. Un effetto antiage idratante, ristrutturante e anti-ossidante, che sfrutta e potenzia i meccanismi naturali del rinnovamento delle nostre cellule.