Le “macchie scure” (ipercromie) rappresentano un inestetismo molto frequente e insorgono tipicamente con l’avanzare dell’età. Oltre la metà delle persone tra i 35 e i 55 anni riscontra sulla pelle la comparsa di queste macchie più o meno ampie ed intense, localizzate nella maggior parte dei casi nelle aree più esposte alla luce: viso, collo, décolleté, mani. Nel tempo queste macchie tendono ad ispessirsi ed allargarsi.

Ogni ipercromia ha caratteristiche specifiche: il tipo di pelle, l’età, le possibili cause di insorgenza, lo spessore e la sede della macchia vanno valutati dal medico per impostare i trattamenti necessari ad ottenere lo schiarimento della macchia e a contrastarne l’intensificazione e la ricomparsa.

Il laser Q-switched è il gold standard per il trattamento delle ipercromie cutanee. Gli impulsi di luce prodotti dal laser vengono assorbiti selettivamente dai pigmenti della macchia, i quali vengono frammentati e rimossi dai macrofagi “gli spazzini del nostro corpo”. La cute circostante non viene danneggiata grazie all’assorbimento selettivo delle onde laser da parte degli accumuli di melanina.